CARITA’ – RIFLESSIONI

San PaoloQuando San Paolo scrisse quella bellissima pagina di testimonianza di Fede ed apostolato, nota come “elogio della Carità”, fiore all’occhiello della prima lettera ai Corinzi (Cap. 13, 1-13), si è soffermato sull’importanza di un sentimento che, nella lingua greca dell’epoca, ha chiamato con un nome – “Agápe” (αγάπη) – che racchiude in se significati ampi e complessi che, in buona misura, si sono impoveriti per effetto della traduzione in altre lingue.
Questa mia riflessione ha lo scopo di restituire al termine Carità il suo significato originario in tutta la sua interezza. Continua a leggere

Annunci

DE VERITATE

VeritàQuando si sta bene si è portati a godersi la vita, a farsi poche domande, a vivere alla giornata.
“Carpe diem”, direbbe Orazio.
Se, invece, si attraversa un periodo di depressione, si soffre di qualche malanno, oppure ci si sente giunti al termine della propria esistenza terrena, si comincia a riflettere (pur con le dovute eccezioni) sulle problematiche esistenziali.
Io non so quale di questi tre momenti sto attraversando e, francamente, non ci tengo a saperlo, ma è un dato di fatto che stanotte (anche a causa dell’insonnia) mi sono soffermato a riflettere sulla “verità”, termine di cui si tende a fare un sempre maggiore abuso.
Cos’è la verità? Chi leggerà queste righe penso che non avrà difficoltà a dire che verità è ciò che risponde al vero, che è autentico, che è esatto, in altre parole, che è oggettiva rappresentazione della realtà. Continua a leggere

QUANDO LA MORALE E LA GIUSTIZIA SOCCOMBONO ALLE LEGGI SCRITTE IN LORO SOSTEGNO

Nell’Ottobre dello scorso anno, il Magistrato Enrico Tranfa, Presidente della seconda sezione penale della Corte di Appello di Milano, ha lasciato la toga con oltre un anno di anticipo dopo aver firmato le motivazioni della sentenza di assoluzione di Silvio Berlusconi nel processo sul caso Ruby del 18 Luglio scorso, in dissenso con la decisione presa a maggioranza con il parere favorevole degli altri due Giudici (Puccinelli e Locurto). Continua a leggere

LE PROCESSIONI RELIGIOSE TRA MANIFESTAZIONI DI FEDE TRADIZIONE POPOLARE E USANZE DI ORIGINE PAGANA.

Una delle critiche che le altre Confessioni religiose muovono alla Chiesa cattolica ha per oggetto le Processioni, viste come un retaggio di paganesimo.

Viene osservato che la Processione non ha alcun fondamento nelle Sacre Scritture, tant’è che ad essa non fanno alcun riferimento i primi Cristiani (vedasi rituale della Chiesa primitiva di Gerusalemme, descritto da Luca nel libro degli Atti degli Apostoli e le numerose Epistole degli Apostoli). Continua a leggere

BRICIOLE DI LIRICA LATINA IN LINGUA SICILIANA

00 BricioleCon il patrocinio del Comune di Termini Imerese e nell’ambito del ciclo di manifestazioni culturali tenutesi nel corso del mese di Agosto 2014 sul tema “Termini Romana” (pervenuta alla sua quarta edizione), le Associazioni culturali Termini d’Arte (Presidente Rita Elia) e Termini d’Amuri (Presidente Mauro Marino) mi hanno affidato l’incarico di tradurre nella nostra madre lingua siciliana alcune liriche dei Poeti latini Catullo, Orazio e Marziale. Continua a leggere

LA POESIA E LA PROSA: ELEMENTI CARATTERIZZANTI E DIFFERENZE

Il lettore si sorprenderà nel vedermi affrontare una tematica che in passato è stata ampiamente dibattuta.

Montale amava dire che la poesia si fa con le parole e che il poeta deve servirsi del “linguaggio di tutti”, ma solo apparentemente, atteso che questo linguaggio di tutti deve possedere qualcosa che lo ponga “al di sopra, al di sotto, a destra, a sinistra, davanti e dietro al linguaggio di tutti”. In altre parole una diversità nell’eguaglianza.
Francamente non ho mai compreso cosa intendesse dire Montale in questa sua intervista. Continua a leggere